sabato 21 luglio 2007

Vita mia...

Si comincia ancora dalla musica quest'oggi e da due concerti ai quali ho assistito giovedì e venerdì al Nosilenz di Orzinuovi (Bs). Due set diversissimi tra loro, ma ugualmente emozionanti e coinvolgenti.
Partiamo con ordine. Dopo esserci momentaneamente smarriti tra Orzivecchi ed Orzinuovi, giovedì sera io e Franz giungiamo in quel di Coniolo, frazione dove si tiene l'ottava edizione del festival indipendente Nosilenz: posto carino, gratuito e tanta gente. Un saluto a Mirco, Fortu e soci alla loro bancarella di magliette (veramente fighe, prossimamente vi fornisco il link al sito), uno al vecchio Obertini, alla Luna e Frisco Boys, Paolo Bruno Kandisnki, Adelaide con caschetto nero, Patti ecc...e si comincia a far fuori birre piccole come acqua (un caldo fottuto anche in campagna) e sentire musica. Si esibiscono prima i Canadians, gruppo indie-rock veronese, roba strasentita dal mio punto di vista, sulla scia di Yuppie Flu, niente di che.
E poi arrivano i tanto attesi Teatro degli Orrori, una band composta da tre elementi dei veneti One Dimensional Man (uno ex) e dal cantante (qui chitarrista) dei mantovani Super Elastic Bubble Plastic. Il mio collega Beppe mi ha fatto una testa così e sono proprio curioso di sentirli dal vivo. Delirio, violenza, teatralità! Queste sono le tre parole che descrivono al meglio il loro set. Un'ora e mezza di rock sudato, vicino allo stoner, con testi drammatici e violenti scritti, e declamati in modo quasi teatrale, dal cantante Pierpaolo Capovilla.
Il loro album si chiama "Dell'impero delle tenebre" e per presentarlo cito proprio Giuseppe Fabris di Rockol e la sua scheda della rubrica Selected: "Dieci canzoni in cui, con un ceffone, la band riesce ad unire il rock più duro con l'impegno sociale del cantautorato italiano, riuscendo a citare contemporaneamente Baudelaire, gli Scratch Acid, De André e Demetrio Stratos. Capovilla ci porta così in un purgatorio in cui espiare i peccati personali ("E lei venne"), i drammi del passato ("Compagna Teresa", storia di una staffetta partigiana), e gli orrori dei nostri giorni ("Carrarmato rock") senza lasciare troppo spazio alla speranza e all'ottimismo. Perché, come loro stessi cantano, "abbiamo perso la memoria del ventesimo secolo, e comunque sia... abbiamo perso". Acquistati cd e maglietta!
Venerdì invece è stata la volta di Paolo Benvegnù (http://www.rockol.it/selected/paolobenvegnu.php). Io e Antoine eravamo seduti nell'erba tra le prime file. Paolo, nativo di Toscolano (Bs) ma residente da anni in Toscana, ha presentato alcuni pezzi nuovi che figureranno probabilmente nella sua prossima fatica discografica in uscita in autunno. Il rock indipendente incontra il cantautorato e strumenti come violini e contrabbasso, in un set davvero emozionante, intramezzato da alcuni divertenti siparietti. ("Ciao siamo i Timoria, quello al mio fianco è Francesco Renga" oppure il bassista che dice "Ok, ora basta con questa palla di Benvegnù, ora si balla" e si mette a cantare e danzare "Il triangolo" di Renato Zero). Veramente uno splendido concerto, dove non sono mancati due pezzi dei mitici Scisma, il vecchio gruppo di Paolo.
Un applauso va anche ai ragazzi del Nosilenz che ogni anno imbastiscono questo splendido festival, riuscendo a mantenere sempre l'ingresso gratuito.
Poi sulla strada del ritorno sono stato fermato ad un mega posto di blocco dei Carabinieri all'Emmezeta di Castelmella: stoppavano qualsiasi cosa si muovesse. Prova dell'etilometro e....negativo!!! Yesss! Per fortuna solo due piccoline ieri sera! Basta poco ormai! Negativo, negativo!!!

Stasera, nel fresco di una trattoria della Maddalena, il sottoscritto aiuterà l'amico Gianmarco Martelloni a scrivere la presentazione del suo primo disco che (finalmente!!!) pare vedrà la luce in settembre. Sono onorato della sua richiesta.
Giovedì invece c'è stato un interessante incontro di lavoro che potrebbe portare il Vostro anche nel mondo dei DJ e della musica elettronica underground. Per ora non vi dico di più, se la cosa andrà avanti vi spiegherò.

Infine per chiudere il capitolo musica la mia recensione dell'ultimo disco dei Chemical Brothers "We are the night". http://www.rockol.it/recensione-3525/Chemical-Brothers/WE-ARE-THE-NIGHT... read me!

Insomma eccoci ai saluti! Lunedì io, Jean e Ale partiremo per la nostra avventura Inter-rail. Dovremmo toccare le città di Monaco, Berlino (dove incontrerò anche Laura per un giorno), Copenhagen, Stoccolma (o Oslo), Amburgo, Amsterdam. Oggi andrò da J. a prendere lo zaino e poi si comincerà a preparare il tutto. Ritorno previsto il 7 agosto.
Sono carico e ho voglia di partire!! Chissà quante nuove emozioni e ricordi, splendidi paesaggi da custodire, persone da abbracciare, imprevisti da gustare! Voglio godermi anche quelli, fino in fondo, mandando a fanculo le menate!! Corri ragazzo, corri....!
A presto guys!!!!! Buone vacanze!!!

Canzone del giorno: "Vita mia" - Il Teatro degli Orrori. Vi ho già detto tutto sopra. Questo è l'unico filmato dall'audio decente che ho trovato su YouTube e per di più c'è solo la prima parte del brano. Quest'è! Il loro disco si chiama "Dell'impero delle tenebre". Consigliatissimo! Un ventata di aria nuova. Dritto nello stomaco!
"Vita, guardami negli occhi ancora andremo a Parigi e berremo Pernaud in boulevard, voleremo gli oceani e davvero vedremo l'America, poi di corsa faremo all'amore con tutta New York...New Yooooooork!!

domenica 15 luglio 2007

Tanta musica...al fuoco

Sfrutto questa domenica pomeriggio per riposare, aggiornare il blog e magari dopo sentire Laura e leggere un po'. E' stata una settimana davvero piena, di lavoro sia per Rockol che al cinema (Fuck Harry Potter!!), ma soprattutto piena di musica!


Partiamo con ordine, ovvero da mercoledì, quando la compagnia formata dal sottoscritto, Jean, Ilenia, Mazzu bros. e Berga si è recata in quel di Ferrara per il concerto degli Arcade Fire.
Dopo varie soste per consentire all'unica fanciulla presente di poter espletare i propri bisogni e permettere a noi altri di fare un aperitivo nel bar di un distributore e usufruire di bruschette col "gorgo", la pattuglia è giunta nella città estense. Ero già stato a Ferrara quattro anni fa a sentire i Radiohead e devo dire che è proprio bella come la ricordavo, soprattutto la location dell'esibizione, con il Castello di Ferrara alla nostra destra a custodire le preziose note...
Bando alle ciance! Concerto dell'anno guys!!! I canadesi hanno veramente dato il meglio di loro!
Dodici elementi sul palco (tra cui tre violini ed un organista a canne) guidati dai due signori della serata: Win Butler (voce, chitarra, organo) e la polistrumentista (nonchè sua moglie) Règine Chassagne. Il concerto è iniziato col botto, con "Keep the car running" e "No cars go" ed è proseguito tra picchi di energia ("Rebellion (lies)"), momenti maggiormente tranquilli ("Neon bible") e un finale da pelle d'oca ("Wake up"). Regine ha suonato veramente tutto, batteria compresa ed è incredibile come una donna non particolarmente bella possa muoversi e stare sul palco in modo talmente sensuale da divenire una donna dal fascino irresistibile!
Sono orgoglioso di essere stato tra i primi a scoprire questo gruppo e di aver diffuso il verbo a molta gente. Se vi va rileggete la mia rece del loro ultimo disco "Neon bible"...http://www.rockol.it/recensione-3449/Arcade-Fire/NEON-BIBLE

La serata è terminata dando un passaggio a Mauro, un tale piuttosto timido che ho conosciuto su Couch Surfing (c'è il link nella apposita sezione del blog)...no non si può liquidare la questione così! Vi devo raccontare la sfiga di questo ragazzo quel giorno. Allora dovevamo vederci al casello di Verona Sud. Quando stiamo per arrivare, mi manda un sms dicendomi che il finestrino della sua auto è crollato mentre veniva lì e quindi di partire senza di lui. Dopo un paio di ore mi scrive che sta arrivando a Ferrara con l'auto del padre. Ci diamo appuntamento dentro e quando ci becchiamo Mauro mi chiede se posso dargli uno strappo al ritorno, perchè ha messo il bloccapedali alla macchina e si è accorto di non avere le chiavi per riaprirlo! Ah ah ah! Che robe...mi ricorda un po' il Mazzu al concerto dei Bloc Party! Crash!

Al ritorno il Berga ci ha fatto sbellicare capendo Paul McCartney al posto di Macaulay Culkin e innegiando al precoce alcolismo dell'ex Beatle!! Vi giuro avevo mal di pancia dal ridere!! Io e Jean poi a ruota dietro immaginandoci Paul in "Mamma ho perso l'aereo" e "Richie Rich". Grande Berga!



Autoscatto da gita scolastica



Un'intera birra sul piede del Berga McCartney



La Règine...domina sopra e dietro il palco!!!!

Passiamo a venerdì. Dopo un aperitivo con la compagnia "domenicale" di Dani, Ale e Marco, ecco il concerto di Keith Jarrett in Piazza Loggia. Dovete sapere che il grande pianista ha un caratterino alquanto difficile e pochi giorni prima ha abbandonato il palco di Umbria Jazz, insultando il pubblico per averlo fotografato durante l'esibizione. Ora la discussione potrebbe essere molto lunga sul fatto se Keith se la tiri troppo o meno, ma una cosa è certa, secondo me: il flash di una macchina fotografica o il suono del telefonino avrebbe rotto la magia, il limbo. La loggia illuminata da soffusi fasci di luce, il cielo all'imbrunire prima e stellato poi e soprattutto le note del pianoforte di Keith, del contrabbasso di Gary Peacock e della batteria di Jack DeJohnette. Il concerto ha intervallato momenti di puro jazz a delle cose stratosferiche che faccio veramente fatica a classificare, soprattutto quella antecedente la fine della prima parte del concerto. In quel momento la mia mente è volata via, è tornata nel passato, all'infanzia per poi balzare nel futuro, dove andrò, cosa farò, quanti crepuscoli vedranno ancora i miei occhi, con quale sfondo, con quali persone.
I miei occhi incontravano le lacrime ed ogni nota di Keith rimbalzava nel mio cuore, remando sempre più veloce per far volare sempre più in alto la mia anima. Volevo non finisse più! Quando ha smesso sono tornato sulla terra, come (positivamente) provato da un lungo viaggio! L'esibizione è durata due ore e venti, durante le quali ogni spettatore controllava che tutto andasse bene e che nessun rumore infastidisse gli artisti. Alla fine Keith è rientrato ben tre volte sul palco e si è meritato altrettante standing ovation!!!Io e Jean eravamo estasiati, così come le due fanciulle bergamasche sedute al nostro fianco.

Ho la certezza di aver assistito ad un evento, una di quelle cose rare e per questo da custodire con cura! Dentro me!

Sabato ho fatto da giurato alla finale del concorso "Primo su Mille" al campo sportivo di Cellatica (Bs). La serata è stata presentata da Elenoire Casalegno (che sembra davvero molto alla mano) e dall'organizzatore, ideatore, nonchè direttore di Rockol Franco Zanetti. Il vostro Ercole Gentile (presentato come "giornalista bresciano che da molti anni si occupa di musica") era in compagnia di Matteo Bianchi di MGBrescia (un portale per le band bresciane http://www.mgbrescia.it/), l'amico Andrea Amati (autore Warner), Daniela Calvi (la mia collega di Rockol) e Alessandro Cesqui ("boss" della casa discografica Novunque). I vincitori sono stati (con voto unanime della giuria) i Fata, un interessante gruppo di Carpi che ha proposto un brano tra new-wave, rock ed elettronica...tra Cure e Depeche Mode. La serata è proseguita con un party alla Nave di Harlock dove si è mangiato e bevuto qualcosa e io, Dani e Ale ci siamo rimpinzati! Franco "Zanna" si è dimostrato ancora una volta un signore, rimborsandoci per il disturbo e volendo rendere a tutti i costi trasparente il concorso, consentendo a tutti i gruppi di verificare il voto del pubblico. Vecchio stile!

Ora si prepara un'altra settimana molto intensa e poi lunedì 23 alle ore 8 si parte per l'inter-rail! Ma di questo ve ne parlerò nel post pre-partenza!

Canzone del giorno: Pensiero stupendo - Patty Pravo feat. La Crus e Manuel Agnelli. Questo brano, scritto da Ivano Fossati e portato al successo da Patty Pravo, è un classico della canzone italiana. Pubblicato originariamente nel 1977, viene rivisitato (nel 2001) in veste elettronica dalla stessa Pravo con l'ausilio dei La Crus e di Manuel Agnelli degli Afterhours. "Pensiero stupendo nasce un poco strisciando si potrebbe trattare di bisogno d'amore...Meglio non dire..."
Guardatevi il video!!!!

lunedì 9 luglio 2007

V V V V V V V V V

In questo Paese dovrebbe esserci un casino. E non c'è. Sento notizie sconvolgenti e nessuno muove un dito, se non facendo timide e (politicamente) corrette dichiarazioni. Si scopre che l'ex premier Silvio Berlusconi ha usato il Sismi (servizi segreti italiani) per spiare oltre 200 magistrati ed i suoi oppositori politici, allo scopo di screditarli. Si mette in gioco la base della democrazia, parola ormai stuprata ed abusata da tutti i nostri cari e sempre fedeli parlamentari e nessuno di loro fa niente. Roba da terremoto politico e nulla...la sinistra tace. Tace chi ha più voce di noi, ma tace anche un Paese ormai assopito, talmente sommerso dalla merda che non fa più caso a nulla...accetta e butta giù tutto, senza far rumore...si ingoiano chili di sterco, senza rendersi conto di quanto questa casta politica ci stia prendendo per i fondelli. Ed è con grande gioia che garantisco la mia adesione al Vaffanculo Day (V-Day) organizzato da Beppe Grillo in numerose piazze italiane il giorno 8 settembre. Una manifestazione contro la classe politica in toto, senza distinzione di colori, un sonoro calcio nel culo a questi fancazzisti, super pagati, che hanno diritto alla pensione dopo due anni e mezzo e che godono di tutti i privilegi di questo mondo, con il solo scopo di inviarsi comunicati stampa tutto il giorno!
Quel giorno verrà lanciata un’iniziativa di legge popolare in tre punti per disinfestare il Parlamento:

1. Nessun cittadino può candidarsi se condannato in via definitiva o in attesa di giudizio (e c'è anche bisogno di dirlo, cazzo)
2. Nessun cittadino italiano può essere eletto per più di due legislature. Regola valida retroattivamente.
3. I candidati devono essere votati dai cittadini con la preferenza diretta.
Per maggiori infos andate sul sito http://www.beppegrillo.it/vaffanculoday
Svegliamoci!!!!!! Tra poco ci saranno maggiori informazioni. Spargete la voce!!!!!

Oggi ho ricominciato il lavoro dopo due settimane di ferie. Della Puglia vi ho già ampiamente parlato. Ad Hannover (Germania) da Laura è andato tutto bene, a parte il clima che è stato sempre piovoso e freddo. Il Vostro è stato anche ospite nelle classi dove Laura insegna italiano ed è stato sottoposto a delle interviste alle quali ha risposto egregiamente. Ercole è stato duramente messo alla prova da attempati germanici su questioni veramente ardue come "Da dove vieni?" e "Che lavoro fai?" ma è riuscito a superare questi duri scogli. Ho passato davvero del buon tempo, ed è stato molto carino fare merenda in alcuni splendidi bar che sembrano dei salotti, con quell'atmosfera casalinga..ti prendi un tè e ti leggi il tuo libro o le riviste di architettura insieme ad altre persone....molto rilassante. Grazie di tutto Gemusina!

Il programma della settimana si presenta veramente pieno: mercoledì concerto degli Arcade Fire a Ferrara; Venerdì concerto di Keith Jarrett a Brescia in Piazza Loggia; Sabato sarò giurato alla finale del Concorso "Primo su Mille", organizzato da Franco Zanetti (direttore di Rockol) in collaborazione con Palcogiovani. La serata si terrà a Cellatica (Bs), presso il Campo Sportivo dalle 21 circa. Purtroppo ho dovuto declinare l'offerta di far parte della giuria di "Voci per la LIbertà", concorso di grande blasone organizzato da Amnesty International a Rovigo il 22 luglio...il giorno dopo si parte per l'inter-rail!!!!

Vi linko un pezzo che ho scritto il mese scorso per Rockol Selected su Paolo Benvegnù... http://www.rockol.it/selected/paolobenvegnu.php. Per la seconda puntata di questa nuova rubrica di Rockol (dove ogni membro della redazione sceglie un'artista da segnalare), che sarà on-line probabilmente a settembre, ho scelto i belgi Zita Swoon...

Canzone del giorno: "No cars go" - Arcade Fire. Tratto dal secondo disco "Neon Bible", un pezzo incredibile che simboleggia il suono di questa band canadese che miscela il rock con violini, fisarmoniche, cori epici, saltellando con disarmante disinvoltura dalla malinconico al ballabile. Mercoledì, nella magica conrnice di Piazza Castello a Ferrara ci sarò...."between the click of the light and the start of the dream!".

lunedì 2 luglio 2007

Di passaggio...

Eccomi di passaggio tra un viaggio e l'altro. Sono tornato sabato sera dalla Puglia, dove ho trascorso cinque giorni con Edouard...divertenti e rilassanti. Ho mangiato come un bue (ma, ahimè, il mio peso non è aumentato...inizio a sospettare della presenza di un verme nello stomaco), mi sono leggermente colorato la pelle, ho respirato molto mare ed ho abbracciato diverse persone care (nonni, lo Zio Pino & Antonella, lo Zio Renato, mia sorella Lilly, Lara, Luciana, Ciro, Carolina, Isa, Marcello ecc...)
Per chi non fosse mai stato nella zona del Gargano, vi consiglio vivamente di andarci...posti come Baia S. Felice, Baia dei Gabbiani, Vieste, Peschici e Mattinata meritano davvero di essere visitati.




Me & Biel



Zuppa di legumi o sassolini in spiaggia?


Lo Zio


Sunset on Peschici...


Ciro "The Devil"


Baia dei Gabbiani...no comment!

Episodi salienti: i primi due giorni con temperature oscillanti tra 40 e 45 gradi, come un phon puntato addosso; una cena ad Alberona (una paese del subappenino, temperatura fresca) dove abbiamo mangiato a palate, roba fresca e buona (mozzarelle, pane e pomodoro, salumi, formaggi, carne alla griglia, vino, amari) a soli 10 euro; cena di gran classe offerta dal grande Nonno; la conoscenza con un parente semi-sconosciuto detto Il Duce, una delle persone che più mi hanno fatto bollire il sangue negli ultimi anni: "L'operaio va frustato" oppure "Il genitore dà la vita al figlio e può anche toglierla" eccc....Come immaginabile abbiamo avuto una accesa discussione; Escursione in pedalò fin dentro le grotte di Baia dei Gabbiani...mozzafiato.

Piccolo sondaggio: Voi avete un parente simile? Uno che non vorreste mai avesse anche una piccola parte del vostro stesso sangue? Commentate...questo blog manterrà la privacy!

Sabato sera poi sono andato con Filippo al concerto dei Placebo in Piazza Duomo! Delusione! Un'ora e un quarto di set, pochi pezzi del passato e gruppo piuttosto scazzato. Fortunatamente avevo il pass stampa e non ho dovuto sborsare i 30 euro di biglietto.

Ora sto preparando nuovamente la valigia. Nel pomeriggio volerò ad Hannover da Laura, dove mi fermerò cinque giorni. Il meteo prevede pioggia e noi probabilmente ne approfitteremo per stare insieme e vederci qualche film...I'm coming gemusa!!!! Ringrazio il Piva per lo strappo all'aeroporto!
Insomma sono solo di passaggio....

Canzone del giorno: "Wordless Chorus" - My Morning Jacket. Un brano che ci ha accompagnato nel viaggio pugliese. Tratto dall'ultimo album "Z" (2005), un pezzo adatto ad una serata d'estate, con il suo mix di rock, cori tra lo spensierato e malinconico, psichedelia ed echi di anni Sessanta. La formazione del Kentuchy, formatasi nel 1998, ha finora dato alle stampe quattro album in studio ed uno dal vivo. Influenze e similitudini: Mercury Rev, Flaming Lips, Velvet Underground, Bob Dylan.